Amiamo gli animali

 

Il Toro è aggressivo? No, se non viene provocato.

Un insegnante spagnolo ha impartito una particolare lezione ai suoi studenti. Gli studenti sono stati disposti in file parallele, con distanze regolari tra loro, all’interno di una arena e sono rimasti immobili mentre un toro veniva lasciato libero di scorrazzare sulla superficie sabbiosa. Ebbene, il video mostra che il toro passa tra una persona e l’altra senza fare alcun male agli esseri umani, e anzi senza nemmeno curarsi di loro. L’esperimento dimostrerebbe che il toro non è un animale aggressivo verso gli uomini e che, se non aizzato, non attacca senza un motivo….

Fonte Fonte Fonte

Annunci

 

Un piccolo esemplare di polpo al cocco, noto anche come polpo venato, usava come rifugio un bicchiere di plastica trovato sui fondali indonesiani, ma è stato convinto a cambiare dimora da un gruppo di sub, tra cui Pall Sigurdsson, che gli hanno presentato diversi tipi di conchiglie. I polpi al cocco sono famosi per essere molto esigenti su quali conchiglie scegliere, quindi hanno dovuto provare con molte conchiglie diverse prima di trovarne una accettabile. Dopo vari tentativi dei sommozzatori, il polpo ha infine abbandonato il bicchiere scegliendo il guscio perfetto per lui.

 

Un cane Husky e la sua piccola amica umana hanno una interessante conversazione….

Fonte

 

Tank  è uno Sheepadoodle. Ama molto il suo papà umano ed è felice quando può passare un po’ di tempo con lui…

Fonte Fonte

 

Il cane e il cavallino sono grandi amici. E si vede…

Fonte

 

Un’umana tenta di praticare lo yoga, ma i suoi cani sono di diverso avviso…

Fonte

Una gatta è tanto affezionata alla sua strada da non volerla abbandonare neanche per un istante. Neppure per allattare i suoi cuccioli in un posto più sicuro. La mamma gatta protagonista di questa storia è molisana, vive a Termoli dove ha dato alla luce pochi giorni fa i suo splendidi mici. In un’area di parcheggio attigua al marciapiede di via Mario Pagano che per lei evidentemente rappresenta la sua casa. Dalla quale non vuole spostarsi nonostante i numerosi tentativi fatti dai gruppi animalisti della zona (Termoli Wild) che hanno provato a farle cambiare idea. Trovandole luoghi più adatti a una nursery. Nulla da fare. La quattro zampe ogni volta tornava lì, nel suo posto del cuore. Così per accontentarla e metterla a suo agio il Comune ha preso una decisione ammirevole: delimitare con delle transenne e un divieto di sosta la parte della strada scelta dalla micia per accudire i suoi piccini.

Un bel cartello avverte di non toccare perché “Mamma gatta allatta”. Gli ambientalisti si stanno attrezzando per rendere lo stallo più confortevole e sicuro, e una ragazza si sta prendendo cura di mamma e piccoli. Un grazie speciale all’assessora all’Ambiente della cittadina molisana a cui si fa riferimento: Rita Colaci.

Fonte

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: